Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Giovanni Marcucci

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
Curiosità
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
del direttore
che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

ANTENNA WIND: LE RISPOSTE DELL’ AMMINISTRAZIONE

Aprile 2007

Nel Consiglio Comunale del 26 marzo scorso l’Amministrazione Comunale ha fornito le risposte all’interpellanza presentata dal gruppo consigliare Impegno Comune lo scorso 27 febbraio.
DOMANDA: Perché, in seguito alla presentazione da parte di Siemens SpA in data 12 maggio 2006 dell’istanza di autorizzazione relativa alla realizzazione di impianto di telefonia cellulare in Rogeno via delle Brianne, non è stata data tempestivamente alcuna informazione alla popolazione residente, al comitato spontaneo dei cittadini, al Consiglio Comunale sull’argomento e perché tale informazione è stata data solo nell’imminenza della posa dell’antenna venendo in tale modo impedita ogni forma di autotutela da parte dei cittadini. Infatti pur in mancanza, a dire dell’amministrazione, del piano di localizzazione previsto dalla legge regionale n. 11/2001, l’istanza protocollata da Siemens SpA conteneva l’esatta indicazione del mappale su cui sarebbe sorta l’antenna (n. 389), il progetto con descrizione dell’impianto, le caratteristiche radioelettriche dello stesso, la stima dei valori di campo nei punti di maggiore esposizione della popolazione. C’erano in sostanza tutte le indicazioni per informare fin da subito i cittadini.
RISPOSTA: In data 12 maggio 2006 perveniva al Protocollo C.le, n. 3719, un’istanza della Siemens SpA per l’autorizzazione, ai sensi degli articoli 86 e 87 del D.Lgs. n. 259/2003, alla realizzazione di un impianto di telefonia cellulare sito nel Comune di Rogeno, via delle Brianne.In data 30 maggio 2006, con nota Protocollo C.le n. 4280, l’Amministrazione Comunale comunicava alla Siemens che l’istanza non era procedibile in quanto, per quella zona, non era stato preventivamente presentato il piano di localizzazione e sviluppo previsto dall’art. 4, comma 11, della Legge Regionale n. 11/2001 e che di conseguenza non erano state attivate le iniziative che la Legge Regionale pone in capo ai Comuni relative soprattutto all’informazione alla popolazione. E’ evidente che avendo tempestivamente archiviato la pratica in quanto non procedibile non vi erano motivi per attivare una procedura di pubblica informazione che la Legge Regionale prevede in fase di piano di localizzazione.
DOMANDA: La documentazione progettuale inviata da Wind conterrebbe una serie di gravi anomalie che ne inficerebbero la validità: A questo proposito chiediamo se l’amministrazione comunale ha riscontrato tali anomalie; chiediamo anche, se la risposta a tale domanda sarà positiva, perché la loro presenza non ha portato alla manifestazione di provvedimento espresso di diniego da parte dell’Amministrazione che avrebbe così impedito la formazione del silenzio assenso e l’inizio dei lavori.
RISPOSTA: Non essendo l’istanza procedibile l’Amministrazione Comunale non è entrata nel merito della documentazione progettuale. L’istruttoria tecnica svolta dall’ARPA, per quanto di competenza, non ha evidenziato alcuna anomalia e pertanto la stessa Agenzia ha rilasciato parere tecnico positivo. Dichiarare un’istanza non procedibile è di fatto un provvedimento di diniego e per questo motivo non può formarsi il silenzio assenso (manca il silenzio e c’è il dissenso).
DOMANDA: Perché non è stata convocata la conferenza di servizi prevista dalla legge attraverso la quale giungere a soluzioni condivise con Siemens SpA cosa che, avrebbe permesso all’Amministrazione Comunale di concordare soluzioni atte a perseguire una migliore tutela della salute e degli interessi dei cittadini e dell’ambiente.
RISPOSTA: Per i motivi che precedono non vi erano i presupposti per convocare una conferenza di servizi.
DOMANDA:Chiediamo se ci sono stati colloqui e quando con i proprietari del terreno riguardanti la posa dell’antenna sul mappale 389 del territorio comunale.
RISPOSTA: I proprietari del terreno su loro richiesta sono stati ricevuti dal sottoscritto nella primavera del 2006. Ho fornito loro informazioni sulle vigenti disposizioni di legge in materia.
DOMANDA: Chiediamo come intende muoversi l’amministrazione per tutelare i propri cittadini in seguito all’intenzione comunicata da Telecom Italia di posare nel corso del 2007 una sua antenna per telefonia mobile sul territorio di Rogeno.
RISPOSTA: Alla Telecom è stato formalmente richiesto di integrare il piano di localizzazione con la documentazione prevista dalla normativa regionale al fine di attivare la corretta informazione


LE CONSIDERAZIONI DI IMPEGNO COMUNE

Il gruppo Consigliare Impegno Comune, riguardo la risposta ricevuta alla propria interpellanza, secondo quanto già esposto verbalmente in consiglio comunale, desidera esprimere alcune considerazioni. L’Amministrazione Comunale, comunicando alla Siemens che l’istanza non era procedibile, ha archiviato la pratica ritenendo questa comunicazione un provvedimento di diniego. Questa linea di condotta è stata bocciata dal Tar della Regione Lombardia, così Siemens SpA ha potuto realizzare l’antenna. La popolazione è così stata penalizzata in diversi modi. In primo luogo i cittadini non hanno potuto tutelare i propri interessi e la propria salute avendo saputo dell’antenna solo a cose ormai fatte. In secondo luogo, non solo non hanno tratto alcun giovamento economico dalla posa dell’antenna nel territorio comunale come contropartita ai danni ricevuti, ma anzi si sono trovati a sopportare le spese processuali per le cause intentate dall’amministrazione e le spese per i controlli delle emissioni elettromagnetiche emesse dall’antenna. Secondo quanto da noi espresso in Consiglio Comunale il gruppo “Impegno Comune” ritiene che, anziché il muro contro muro, andasse ricercato un confronto con Siemens SpA per individuare una collocazione più adatta a tutelare la salute della popolazione e a diminuire l’impatto ambientale, permettendo all’amministrazione di incamerare il canone annuo di concessione a vantaggio di tutti. Dalla risposta del Sig. Sindaco emerge un secondo fatto importante; il Sindaco infatti ha dichiarato “I proprietari del terreno su loro richiesta sono stati ricevuti dal sottoscritto nella primavera del 2006. Ho fornito loro informazioni sulle vigenti disposizioni di legge in materia”. Pur essendo la risposta molto vaga essa conferma che i proprietari del terreno si sono correttamente premurati di informare l’amministrazione sulla loro intenzione di concedere l’uso del proprio terreno a Wind. L’amministrazione era quindi informata della cosa già prima che Siemens SpA presentasse la propria richiesta di posa dell’antenna. Emerge anche che l’amministrazione, nella persona del Sindaco, durante il colloquio si è limitata a fornire informazioni sulle vigenti disposizioni di legge in materia; dalla risposta non appare sia stato manifestato ai proprietari alcun dissenso su quanto si andava ad intraprendere.

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)