Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Paola Sandionigi

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
Curiosità
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
brianzolitudine
del direttore

che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

LEGGE SICUREZZA REATO DI CLANDESTINITA’

Aprile 2009

Non è il caso di annegare in un bicchiere d’acqua ! Purché i medici non vadano oltre il rigido e legittimo “spirito di Ippocrate” , che prevede di curare ogni malato , per salvare la propria coscienza e/o coprire con “velo pietoso”,per debole coraggio, tutto ciò che possa riguardare un clandestino ed evitare ogni grana di ritorsione . Ma anche il Governo ha il dovere di salvaguardare la Nazione da altri aspetti legati a Sicurezza e Salute. Come con l’uovo di Cristoforo Colombo che trovò la soluzione , così mi sembra che il Governo possa e debba trovarla pure . Da un lato le motivazioni dei medici sarebbero salve riguardo cure per pazienti con problematiche non riconducibili al Codice Penale . In sostanza sembra ovvio che normali malattie (ma per un’Aspirina sarebbe vera provocazione?!) e soprattutto quelle a rischio di epidemie (Aids,,attuali casi di lebbra a MI o altro ) vadano curate , pena la latitanza del clandestino al ricorso per certe cure ,creando vero rischio sociale , lasciando però l’obbligo della denuncia per feriti con arma da taglio , da fuoco o traumi di natura sospetta collegabili ad attività illecite o sospette (droga, prostituzione, lavoro nero che consenta di stanare datori di lavoro e/o proprietari di case anche italiani disonesti o sfruttatori). Ecco quindi ,dall’altro lato salve le motivazioni del Governo ,riequilibrata la Legge con argomenti concreti sulla legittima riluttanza dei medici con un’occhio anche all’altrettanto legittima esigenza dei cittadini : basterebbe stralciare dalla legge solo quanto possa comunque collegare il clandestino alla malavita ,così che le coscienze di medici ed italiani dovrebbero essere a posto .
Moretti Morando

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)