Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Giovanni Marcucci

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
Curiosità
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
del direttore
che fa traboccare il vaso
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano
di evasione
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
d'oriente
iridata
sullo spartito


 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

I cognomi più diffusi

Dicembre 2004

E' sempre interessare soffermarsi sulla diffusione di un dato cognome all'interno di un paese.
La statistica e la demografia ci vengono incontro e scopriamo che il cognome più diffuso a Merone è Mauri, con 92 rappresentanti.
MAURI: dal nome personale Mauro, a sua volta dal latino maurus "abitante della mauritania". Cognome molto diffuso in area brianzola e lecchese originario di Corneno, frazione di Eupilio. Negli antichi documenti la famiglia è chiamata De Maveri
La classifica dei primi 10 è la seguente:
92 Mauri; 58 Redaelli; 55 Rigamonti; 55 Colombo; 55 Corti; 49 Molteni; 48 Ripamonti; 43 Frigerio; 37 Fusi; 28 Ferlin.

Se ci spostiamo a Rogeno rileviamo al primo posto dei Frigerio con ben 97 rappresentanti.
FRIGERIO: è uno dei gentilizi tipici della Lombardia, diffuso a Lecco specialmente a Maggianico, dove se ne ha notizia sin dal XVI secolo. Un Andrea detto Andreotto de Frugerio de loco Mazanico de Lecco è citato in un atto risalente al 1373 conservato nell'Archivio di Stato di Milano. Una famiglia frigerio milanese, nota fin dal XVI secolo, fu nobilitata nel 1788 ed è tuttora fiorente. Altri rami si trovano nella Pieve di Fino, Casnate e in tutto il circondario di Como. Per alcuni il gentilizio trae origine da un nome personale di ascendenza germanica, derivando da Frodgari che significa "prudente lancia". Sembra più probabile vederci un adattamento del lombardo fregee "freddoloso" e luogo freddo. In lombardo esiste anche il termine fregeri "freddo intenso e prolungato". Una terza ipotesi ricollega il cognome al lombardo frigee "frutto del bagolaro". Almeno in alcuni casi, il cognome può avere un’origine toponimica, potendo derivare dal nome della Val Frigeria, in provincia di Varese. Un'ultima ipotesi interpretativa fa derivare il cognome dal latino fruges "messi, frumento": si tratterebbe in questo caso di un soprannome legato all'attività agricola.
La top ten è la seguente: 97 Frigerio; 80 Corti; 74 Vigano`; 68 Molteni; 59 Gerosa ; 59 Ratti; 51 Rigamonti; 48 Valsecchi; 45 Redaelli; 42 Colombo.

Passando a Bosisio Parini, il testa a testa della diffusione è vinto dal cognome Corti su Colombo, infatti: 97 Corti; 91 Colombo; 52 Galli; 52 Sala; 52 Mauri; 47 Valnegri; 44 Rigamonti; 44 Farina; 44 Binda; 41 Redaelli.
CORTI: in latino classico cohors significa cortile o recinto; in quello medioevale curtis è un insediamento rurale, nell'ambito della struttura feudale, costituito da un fondo principale e da vari annessi. Ad aver assunto il cognome, come spesso capita, possono essere i comproprietari, i custodi o anche solo gli abitanti della curtis. Nel vasto ambito territoriale comacino già alla fine del duecento compaiono due cognomi distinti a Como e a Gravedona, i futuri Corti e Curti: il secondo pare risalire meglio dall'aggettivo curtus cioè tarchiato, di statura ridotta.

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)