Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Giovanni Marcucci

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
CuriositÓ
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
brianzolitudine
del direttore

che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

Il signornò

Dicembre 2007
di Dario Meschi

Il signornò, alias il ministro dell’Ambiente, della tutela del territorio e del mare, leader dei Verdi, Alfonso Pecoraro Scanio, ha bloccato tutti gli interventi nel settore delle infrastrutture, delle costruzioni e dell’energia, mettendo in ginocchio l’Italia. E, mentre il Parlamento europeo definisce indispensabile l’energia atomica per soddisfare il proprio fabbisogno energetico, nonostante vi siano ben 152 reattori nei 27 Paesi UE, insiste nella politica della negazione, che rischia di compromettere lo sviluppo, la disponibilità di energia, e l’economia, grazie ai maggiori costi subiti che favoriscono le agguerrite aziende straniere. Tutti i Paesi civili si sono affidati al nucleare, per disporre di energia pulita a basso costo e solo l’Italia, differenziandosi dagli altri, deve dipendere da fonti energetiche meno convenienti, e spesso più inquinanti. La scelta del ministro che, in virtù della sua intransigente ostinazione ha ottenuto la copertina del settimanale “Panorama”, di non investire in oleodotti, in autostrade, in centrali nucleari e in rigasficatori costerà in termini economici, aumentando così la dipendenza energetica dagli altri Paesi europei. L’accanimento ideologico di Pecoraro Scanio comporterà una riduzione degli investimenti nel settore delle infrastrutture, pari a 36 miliardi di euro, e nel settore dell’energia elettrica, in quanto l’Enel sarà privata di ben 40 miliardi di euro, e questo solo nel periodo intercorrente dal luglio di quest’anno a quello successivo. Di fatto il ministro ha bloccato l’amministrazione dell’ambiente: da un lato ha effettuato un’operazione di pulizia etnica eliminando buona parte di dirigenti, funzionari e impiegati nominati dal precedente governo o di gradimento dell’opposizione, causando, in virtù dell’allontanamento di persone dotate di esperienza e memoria storica, un rallentamento dell’attività del ministero; dall’altro ha sostituito gli epurati con altre persone spesso prive dei requisiti e dell’esperienza necessaria per svolgere adeguatamente il loro compito. La concomitanza di queste scelte ha ridotto la produttività, generando il ristagno di tutte le attività burocratiche, com’è dimostrato dalla quantità di provvedimenti che si sono arenati per illegittimità formali o per motivi sostanziali, trovando negli organi di controllo ostacoli insormontabili: lo stato di assoluta inefficienza comporta, senza apprezzabili miglioramenti, ma con costi certi ed elevati, l’impiego di ben 344 consulenti esterni. Il ricorso a consulenze private, spesso affidate ad amici e conoscenti, o a persone politicamente “affidabili”, è al centro delle contestazioni, interessa tutti i settori della pubblica amministrazione e porta discredito sul modo di intendere il governo della cosa pubblica, e, proprio per questo, appare ancor più riprovevole il ricorso a tale pratica da parte di un ministro in un momento di assoluta emergenza finanziaria. La confusione regna sovrana al punto che il “verde per eccellenza” in merito alla normativa ambientale, contenuta nel Decreto legislativo n°12 del 2006, inserita nel programma di governo, è riuscito a perdere la facoltà di operare con la delega per aver trasmesso al Parlamento il testo da esaminare in ritardo rispetto al termine perentorio previsto. Questo ed altri simili episodi confermano l’inefficienza degli uffici, mettendo in evidenza la differenza che intercorre tra la politica parolaia, populista e inconcludente di certa sinistra, e la realtà.
Il malessere degli uffici non riguarda un solo ministero, e rende più condivisibili le critiche di Luca corsero di Montezemolo, poco disposto nella sua funzione, a sopportare oltre l’inefficienza dei numerosi “tromboni della politica”, abituati a suonare uno spartito zeppo di note stonate.

Dario Meschi

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)