Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Paola Sandionigi

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
CuriositÓ
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
brianzolitudine
del direttore

che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

Babbo Natale si racconta: tra realtà e fantasia

Dicembre 2009
di Paola Sandionigi

La barba bianca folta ben curata e l’abito rosso con una bordura di pelliccia bianca, così algida da sembrare neve. Ai piedi un paio di comodi stivaletti di pelle morbida, chiusi con delle stringhe sottili ma ben resistenti. L’età è quella di sempre: indefinita. La pancia lievita, e solo nei periodi delle feste riesce a perdere qualche chilo che poi immancabilmente da gennaio recupera. Babbo Natale è pronto. Nel suo laboratorio al Polo Nord, affiancato da instancabili folletti sta preparando gli ultimi pacchetti. Come ogni anno ci sono letterine che arrivano poche ore prima della mezzanotte. Ma nessun problema: ce la farà. Deve farcela, non può permettersi di infrangere il sogno di tanti bambini che lo aspettano ansiosi. Mentre le sue bellissime renne schiacciano un pisolino, e Mamma Natale confeziona i pacchetti con quel tocco che solo lei sa dare, Babbo Natale si gusta una fetta di torta alla panna. <<Sono un golosone, cosa volete farci – racconta -. Non riesco a resistere, e del resto si vede, ho una bella pancia anche se questi mese ho fatto tante di quelle corse che ho perso qualche etto. Mia moglie vorrebbe mandarmi alla beauty farm, vorrebbe che mi mettessi a dieta, ma è impossibile: Babbo Natale da sempre e bello tondo e così deve restare. I bambini resterebbero male se diventassi uno stecchino>>.
E’ simpatico, ha sempre la battuta pronta, da secoli solca i cieli con la sua slitta. <<Mi diverto un sacco – dice – le mie renne sanno la strada a memoria, solo che una volta le case erano tutte basse e anche se sbagliavamo manovra non c’erano problemi, adesso rischiamo di restare impigliati in qualche antenna: in quelle paraboliche che piazzano sui tetti. Ho dovuto arrendermi alla tecnologia e comprarmi un satellitare, così non c’è rischio che arrivi in ritardo o che mi perda>>. Telefonini, computer ma anche trenini di ultima generazione, biciclette, video-giochi. Come sono cambiati i gusti dei bambini. <<I ragazzini alla fine chiedono poco, sono esigenti certo, ma non esagerati come si vorrebbe far credere. Preferiscono un solo regalo ma di qualità piuttosto che cose inutili che poi si dimenticano d’avere. La tecnologia è la più gettonata e i miei elfi si sono adeguati – fa notare Babbo -, riescono a comporre un computer con una manciata di viti e elementi di plastica>>.
Le ragazzine invece <<vogliono abiti, scarpe, borsette griffate, e tanti libri: leggono parecchio, altro che storie. Gli adulti mi creano qualche disguido, non sai mai come prenderli: sono spesso arrabbiati, musoni, lunatici, tanto che ho deciso di regalargli la “polverina del sorriso” sperando che abbia effetto>>. A gennaio <<me ne vado in vacanza, ai tropici a farmi una bella abbronzatura con tutti gli elfi, Mamma Natale e le renne che non vedono l’ora di fare il corso di sci d’acqua>>.
E’ indaffaratissimo, la pila di pacchetti è altissima. Difficile riuscire a capire come possa caricare tutto sulla slitta. <<E’ un segreto: non per niente siamo magici…>>.
Paola Sandionigi

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)