Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Giovanni Marcucci

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
Curiosità
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
brianzolitudine
del direttore

che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

LA FUNZIONE CULTURALE DEL MUSEO DELL’ALTA BRIANZA

Luglio 2007
di Giovanni Marcucci

L’etnografia, disciplina che si occupa della ricerca, documentazione e descrizione della tipologia culturale di un singolo popolo, non sempre stimola il nostro interesse. Eppure si parla spesso di sociocultura senza considerare il significato e il valore del termine che indica l’insieme dei comportamenti, delle conoscenze, delle credenze che hanno reso o rendono simili determinati gruppi etnici, dimenticando di conoscere le loro vicende di vita. La possibilità per porre rimedio a tali considerazioni è offerta a Galbiate dove ha avuto inizio a giugno una pregevole attività culturale promossa dal Museo Etnografico dell’ Alta Brianza: “Voci e gesti della tradizione”.
L’iniziativa, un’ etnografia della comunicazione, è mirata ad illustrare i tradizionali elementi scritti, verbali e gestuali della gente brianzola attraverso dialoghi con esperti di etnografia e altri incontri corredati da documentari e visione di strumenti di lavoro forniti dalla popolazione locale. Alla prima riunione ne seguiranno altre quattro. In programma il 29 settembre alle ore 17, il 14 e 28 ottobre, rispettivamente alle 17 e 14.30, il 10 novembre alle 16, si terranno nella sede del Museo galbiatese ubicato tra monte e acqua in località Camporeso, a mezza costa del monte Barro prospiciente il lago di Annone. Il Museo Etnografico dell’Alta Brianza, fondato nel 1999 e diretto dallo studioso di etnografia Massimo Pirovano - è autore di saggi, documentari, ed musicali e altre opere -, raccoglie una serie di manufatti dell’arte popolare, documenti di eccezionale qualità storica, registrazioni di testimonianze orali che, con altri elementi dell’oralità e del gesto come canti, fiabe, cerimonie, riti, raccontano gli usi e i costumi della gente del territorio. Una visita al Museo, meta di scolaresche che con la collaborazione di dinamici accompagnatori volontari si adoperano per approfondire lo studio dell’ambiente brianzolo, permette inoltre ai visitatori di conoscere meglio l’insieme delle tradizioni della provincia di Lecco dotata di oltre venti musei - da non dimenticare il museo di Bosisio della casa natale del poeta Giuseppe Parini -, collezioni di vario genere e altri complessi di autentico valore storico e artistico. Aperto al pubblico martedì, mercoledì, venerdì dalle 9 alle 12, nonchè il sabato e la domenica dalle 9 alle 12.30 e dalle 14 alle 18, il Museo Etnografico dell’Alta Brianza offre anche la possibilità di esaminare, in particolare, documenti e oggetti dei secoli XIX e XX, che riflettono soprattutto le caratteristiche della gente umile del posto rese concrete da sezioni del Museo riguardanti la bachicoltura, la viticoltura, la raccolta del granoturco, la stalla, i mezzi di trasporto, il flauto di Pan.
Da segnalare altre importanti iniziative intraprese dal Museo: d’intesa con il Museo Archeologico del Barro, istituito in seguito a ricerche archeologiche concluse con il ritrovamento di un insediamento di età gota, realizza dal 2003 mostre temporanee - di grande richiamo quella del 2005 dedicata alla devozione della Madonna del Latte -, concerti, esibizioni, incontri pubblici con allevatori, boscaioli, pescatori, burattinai. «Vengono effettuati - ha recentemente affermato il direttore del Museo Alta Brianza, Massimo Pirovano - per valorizzare le ricerche e offrire ai visitatori occasioni sempre nuove di conoscenza, di riflessione, di confronto tra culture diverse nel tempo e nello spazio».

Giovanni Marcucci

Voci e gesti della tradizione
I beni immateriali del museo etnografico
Località CAMPORESO Galbiate (LC)

29/09/2007 - ore 17.00
La patata ad Annone e le tecniche tradizionali d coltivazione - c/o MEAB Loc. Camporeso Galbiate

14/10/2007 - ore 17.00
L’uccellagione e la caccia nella tradizione dell’Alta Brianza - c/o MEAB Loc. Camporeso Galbiate

28/10/07 - ore 14.30
Fiabe, leggende e storie di vita nei musei etnografici - c/o Museo etnografico della Provincia di Belluno, Cesio Maggiore Belluno

10/11/07 - ore 16.00
Scuola e museo demoetnoantropologico: riflessioni teoriche ed esperienze in corso - c/o MEAB Loc. Camporeso Galbiate


 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)