Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Giovanni Marcucci

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
Curiosità
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
brianzolitudine
del direttore

che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

Depotenziamo l’inceneritore di Valmadrera!
Roberto Fumagalli: “L’incenerimento provoca l’emissione di diossine e nanopolveri”

Maggio 2007
CIRCOLO AMBIENTE
“Ilaria Alpi

VALMADRERA (LC) – Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” contesta la richiesta di potenziamento del forno inceneritore di Valmadrera, avanzata da Silea. La società ha infatti richiesto alla Regione Lombardia di aumentare la potenzialità del forno dalle 87 mila tonnellate annue, attualmente autorizzate, fino ad un massimo di 123 mila tonnellate.
Commenta Roberto Fumagalli, presidente del Circolo Ambiente: “Ricordo che nel 1998 proprio le associazioni ambientaliste riuscirono ad introdurre nel Piano Provinciale dei Rifiuti il limite di 87 mila tonnellate all’anno, compresa la quota di solidarietà interprovinciale. Nel Piano c’è scritto inoltre: <<In ogni caso l’entrata in esercizio del nuovo modulo non potrà comportare un aumento della capacità nominale totale dell’impianto, che verrà quindi riconfermata pari all’attuale (87.600 t/a)>>. Ora si vuol mettere in discussione quella scelta, ignorando proprio il Piano Rifiuti. Anzi, la richiesta dei vertici di Silea è contrastata anche dall’Amministrazione Provinciale, che è competente in materia!”
I responsabili del Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” rivolgono le loro critiche ai vertici di Silea: “La nostra associazione aveva salutato positivamente la scelta di trasformazione di Silea in società “in house”, ritenendola una scelta di democrazia e partecipazione. Al contrario questa richiesta di potenziamento del forno è stata fatta solo in un’ottica aziendalista del tipo: <<più brucio, più guadagno>>. Oltretutto senza consultare preventivamente i singoli Consigli Comunali, come invece prevede la società in house”.Gli ambientalisti ricordano i danni derivanti dall’incenerimento dei rifiuti: “Non c’è bisogno di Celentano per sapere che l’incenerimento fa male. La combustione dei rifiuti produce diossine e altre sostanze tossiche che vengono disperse nell’atmosfera e alla fine ricadono al suolo. Per non parlare della dispersione delle nanopolveri, cioè le polveri sottilissime che possono provocare tumori all’apparato respiratorio. Occorre anche sottolineare che più il forno è moderno, come la nuova linea di Valmadrera, più le polveri sono sottili e quindi pericolose!”.
Il Circolo Ambiente “Ilaria Alpi” rivolge un invito agli amministratori pubblici. Conclude Fumagalli: “Lecco è la provincia riciclona d’Italia. Partendo da questo dato, noi chiediamo che sempre meno rifiuti vengano inceneriti, quindi anziché parlare di aumento, occorre chiedere una diminuzione della potenzialità del forno di Valmadrera! Solo così potremo tutelare l’ambiente e la salute dei cittadini”.

CIRCOLO AMBIENTE
“Ilaria Alpi

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)