Giornale della Brianza
"Un giornale scritto dai propri lettori ..."
Direttore: Giovanni Marcucci

  Sezioni  
 


PRIMA PAGINA
Politica
Cronaca
Sport
Economia
Curiosità
Associazioni
Approfondimenti
Tempo libero
Cultura e Arte
Ambiente

 
  La Goccia ...  
 
brianzolitudine
del direttore

che fa traboccare il vaso
comics
collegio 10
dal futuro
del lago di Pusiano

d'arte

dal web

da togliere
di evasione
di filosofia
di giustizia
di salute
di sapore
di sudore
di umorismo
di vino
d'oriente
iridata
sullo spartito
a quattro zampe



 
  Le altre pagine  
 
I links

Numeri utili
 
 
 

In un secondo la tua vita può cambiare. In Peggio.

Settembre 2008

Si fa sempre più lungo l’elenco delle croci sulle strade: droga, alcol, alta velocità sono tra le cause principali delle stragi del sabato sera, e non solo visto che anche durante la settimana il bollettino è infuocato.
Ma v’è anche chi per un secondo, per una caduta improvvisa a bassa velocità, ha visto la sua vita trasformarsi, Alessio Tavecchio, 38 anni, monzese, nei giorni scorsi è stato ospite del collegio arcvovescovile Volta di Lecco per raccontare la sua storia. <<In un secondo la mia vita è cambiata. Mi sono trovato in un letto d’ospedale e da allora, quasi quindici anni, sono su una sedia a rotelle. Non dimentichiamo mai che salute e amore sono i due valori più importanti della nostra vita e dobbiamo ricordarcene ogni volta che usciamo di casa, ogni volta che siamo per strada – ha evidenziato Tavecchio -. Avevo 23 anni stavo andando al parco di Monza con la moto. Viaggiavo a 50 all’ora e sono finito in una buca per dei lavori non segnalati>>. Il ragazzo cade di schiena e non potrà più camminare. In un secondo la sua vita cambia.
Quel secondo che detto così sembra nulla <<Quando si dice 50 chilometri all’ora può sembrare una velocità bassa – ha detto -. Prendiamo il valore e trasformiamolo nella velocità al secondo, diventano 14 metri al secondo. Ci rendiamo conto che è un valore altissimo. Provate a percorrere 14 metri in un secondo a piedi, dovrete correre celermente>>.
Tavecchio è riuscito a tenere alta l’attenzione dei ragazzi e a farli sentire protagonisti, facendogli notare come la velocità è una delle principali cause degli incidenti, ma non solo. Al primo posto c’è infatti la distrazione, lo stare poco attenti e basta una frazione di tempo per farsi e fare del male. Al secondo posto c’è la distanza di sicurezza che non viene quasi mai rispettata.
<<quattordici metri in un secondo, non dimenticate mai questo valore – ha ricordato ai ragazzi presenti - come correre da un lato all’altro di un salone in un secondo>>.

 
 
 
       

La Goccia Briantea è un periodico mensile di informazione, politica,
cultura, spettacolo, umorismo e associazionismo.
Il sito, ottimizzato per versioni di INTERNET Explorer e NETSCAPE superiori alla 4.0,
è gestito dall'Associazione "La Goccia" (Rogeno - LC)